Operazione “White Christmas”: 7 arresti nel blitz dei Carabinieri

Operazione “White Christmas”: 7 arresti nel blitz dei Carabinieri

Armi pronte a far fuoco, cocaina ed eroina nella centrale dello spaccio dauno

I Carabinieri della Compagnia di San Severo, già da alcuni giorni, avevano predisposto un ampio servizio di discreta osservazione nel popolare quartiere denominato “lotto 600”, dove personale in borghese e con auto “civetta” stava tenendo sotto stretto controllo alcune abitazioni nei pressi delle quali avevano notato un intenso e anomalo viavai di giovani. Nel pomeriggio di sabato, acquisiti ragionevoli indizi circa la possibilità che nelle abitazioni fosse in atto una consistente attività di spaccio, è scattata l’operazione: un dispositivo composto da oltre 30 Carabinieri ha quindi completamente circondato l’area per poi fare irruzione, con anche le unità cinofile, all’interno degli appartamenti. Contemporaneamente i militari sono entrati in tre abitazioni.

In una di queste, un intero nucleo famigliare, alla vista delle uniformi, ha tentato di vanificare l’operazione. Il marito, infatti, ha gettato parte della sostanza, che è poi stata trovata, dalle finestre, azione che è stata però ovviamente notata dai militari posti a cinturazione dello stabile, mentre la moglie ha cercato di ostacolare l’ingrsso dei Carabinieri. Nel corso della perquisizione, occultata in varie stanze dell’abitazione, sono state rinvenute numerose confezioni sigillate sottovuoto contenti cocaina, hashish ed eroina. Lo stupefacente era stato occultato anche nell’armadio della stanza in uso ai figli, tutti maggiorenni.

All’interno di una seconda abitazione, invece, è stata effettuata una meticolosa ispezione e proprio Iax, il pastore tedesco dell’unità cinofila antidroga dell’Arma, ha fiutato la presenza di una valigetta abilmente nascosta, all’interno della quale c’erano 22 confezioni sigillate, anche queste sottovuoto, di cocaina, per un peso superiore al chilo, nonché due micidiali revolver, un calibro 38 special e un 357 magnum, entrambi con matricola abrasa, carichi e pronti a far fuoco, oltre a una confezione con 42 cartucce. Le armi sono immediatamente state messe in sicurezza e accuratamente repertate, per venir poi sottoposte ad ulteriori approfonditi accertamenti, che consentiranno di verificare se siano state utilizzate in altri delitti.

Infine, nella terza abitazione sono state scoperte varie dosi di cocaina e marijuana. Oltre alle armi e alla sostanza stupefacente, i militari hanno trovato anche diversi bilancini di precisione, coltelli, taglierini e materiale per il confezionamento in dosi delle sostanze, a riprova dell’intensa attività di spaccio posta in essere nella zona. La sostanza sequestrata ammonta complessivamente a circa 1,5 Kg. di cocaina, 1,2 Kg. di hashish e 600 gr. di eroina.

Al termine dell’operazione i Carabinieri hanno dichiarato in arresto 7 persone, cinque delle quali sono state portate nel carcere di Foggia, mentre due sono state ristrette ai domiciliari, tutti ora in attesa delle udienze di convalida.

L’operazione messa a segno sabato dall’Arma dei Carabinieri su San Severo, che ha anche portato al controllo di 137 persone, 41 delle quali già noti pregiudicati, e di 74 mezzi, due dei quali sequestrati per la mancanza della copertura assicurativa, segna un duro colpo alla criminalità locale. Oltre ad aver sottratto alla disponibilità due micidiali armi da fuoco, dallo stupefacente sequestrato la criminalità locale avrebbe infatti potuto ricavare guadagni per circa 200.000 euro.