Furto in un supermercato: arrestate due donne autrici di taccheggio

Furto in un supermercato: arrestate due donne autrici di taccheggio

Entrambe sono state bloccate con la merce prima di darsi alla fuga

Nell’ambito dei serrati controlli finalizzati al contrasto dei reati predatori, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di San Severo, con l’ausilio del personale della S.A.T. dell’11° RGT Puglia, hanno tratto in arresto per il reato di furto aggravato in concorso, DI GIUSEPPE PALLADINO Daniela Rosita, classe ‘94, e LA PIETRA Maria Giuseppa, classe ‘87, originarie di San Severo, ma residenti in Foggia, entrambe censurate per reati contro il patrimonio.

I militari del N.O.R.-Aliquota Radiomobile venivano attivati a seguito della richiesta di intervento, pervenuta nel primo pomeriggio alla Centrale Operativa di Compagnia da parte del personale del Supermercato “Eurospin” della locale via Foggia, che segnalava un furto in atto all’interno del citato esercizio commerciale. Immediatamente, veniva inviata sul posto oltre alla pattuglia Radiomobile anche una unità S.A.T. dell’11° RGT Puglia che raggiungevano il supermercato proprio nel momento in cui le due malfattrici avevano superato le casse, senza passare per le barre antitaccheggio, ed erano appena uscite all’esterno. Difatti, alla vista dei militari dell’Arma, le prevenute tentavano di darsi alla fuga, una a bordo di un’autovettura parcheggiata negli stalli riservati dell’attività commerciale e l’altra a piedi per l’ingresso pedonale, ma venivano prontamente individuate e bloccate dagli operanti che avevano nel frattempo chiuso tutti i varchi di accesso. A seguito di perquisizione degli effetti personali delle donne, in una borsa, venivano rinvenute numerose confezioni di generi alimentari per un valore complessivo di 100 euro, che venivano riconosciute dagli operatori del supermercato quali propri prodotti e immediatamente restituiti.

Le malviventi, quindi, a seguito degli schiaccianti elementi probatori raccolti dai militari sul posto, venivano condotte presso gli uffici del Nucleo Operativo e Radiomobile e dichiarate in arresto per il reato di furto aggravato in concorso. Le due venivano successivamente tradotte presso il carcere di Foggia.