Pretende ‘risarcimento’ per spese legali sostenute, un arresto a Vieste

Pretende ‘risarcimento’ per spese legali sostenute, un arresto a Vieste

Un uomo avrebbe chiesto al commerciante una tangente di 1500

Vincenzo Langi, 40 anni, di Vieste, è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di estorsione. L’uomo è ritenuto vicino al gruppo criminale riconducibile a Marco Raduano. La vittima della richiesta di ‘pizzo’ era un commerciante turistico del centro garganico che, nel 2016, avrebbe riconosciuto Langi come l’autore di un furto nella sua abitazione. Dopo quella denuncia, il 40enne fu arrestato.

Così Langi avrebbe chiesto al commerciante una tangente di 1500 euro come risarcimento per le spese legali per la sua detenzione. La vittima agli investigatori ha raccontato che Langi si era presentato piu’ volte minacciandolo e chiedendogli la somma di denaro. Per qualche tempo l’uomo non si era fatto piu’ vivo, e la vittima aveva creduto che avesse desistito dal suo intento. Invece Langi era stato arrestato di nuovo, ma appena uscito dal carcere è tornato a chiedere il denaro. Così i militari hanno preparato la trappola. Qualche giorno fa Langi si è presentato nell’abitazione del commerciante per riscuotere una parte della somma di denaro. L’estorsore è andato via dicendo che sarebbe tornato per prendere il restante denaro. All’uscita pero’ ha trovato i carabinieri che lo hanno arrestato.