Hotel di lusso e biancheria intima coi soldi della Asl: condannato ex manager Sanitaservice

Hotel di lusso e biancheria intima coi soldi della Asl: condannato ex manager Sanitaservice

Perla Corte dei Conti Di Biase dovrà risarcire 480mila euro

Per molti anni ha percepito stipendi d’oro dalla Sanitaservice di Foggia, sperperando anche 120mila euro in cene, buffet per centinaia di persone e persino biancheria intima femminile e i servizi di un investigatore privato. Per questo l’ex amministratore unico, Antonio Di Biase, dovrà risarcire la Asl con 480mila euro. Lo ha stabilito la Corte dei conti, dopo che lo scorso anno il manager 70enne di Trinitapoli fu destinatario di due sequestri di beni: uno da parte del gip di Foggia, nell’ambito di un fascicolo per peculato coordinato dal procuratore aggiunto Francesca Pirrelli, l’altro da 527mila euro su richiesta dell’allora vice-procuratore contabile Pierpaolo Grasso.

L’inchiesta erariale è nata da una denuncia del successore di Di Biase, Massimo Russo, che ha collaborato con la giustizia anche nell’indagine penale a carico di Angelo e Napoleone Cera. Nel fascicolo sono poi confluite le risultanze degli accertamenti fiscali svolti su Sanitaservice Foggia dalla Finanza di Lucera, che hanno fatto emergere altre irregolarità.
In breve, secondo la sentenza della Corte dei conti (presidente Raeli, relatore Fratini), Di Biase avrebbe disposto liberamente dei soldi della società che si occupa di ausiliariato, liquidandosi a vario titolo compensi non dovuti a titolo di stipendio e indennità di fine mandato, con «reiterati prelievi del valore di migliaia di euro mensili compiuti dal Di Biase a mezzo di carta di credito aziendale» e «polizze assicurative contratte dalla società a beneficio dello stesso amministratore – del valore di centinaia di migliaia di euro – prive di qualsivoglia riscontro contrattuale o convenzionale», oltre che gravi illegittimità nelle assunzioni del personale.

A Di Biase era stato accordato prima uno stipendio annuo di 98mila euro, poi (dopo il rinnovo dell’incarico) un compenso di 8.300 euro lordi mensili più il 5% «del reddito netto conseguito», Nel primo mandato – ha accertato la Corte dei Conti – Di Biase si è liquidato 63mila in più, nel secondo 67mila euro in più sulla parte variabile. A questi vanno aggiunti 156mila euro di «prelievi in acconto» illegittimi sul trattamento di fine mandato, 112mila euro di spese di rappresentanza «che per nulla risultano riconducibili alle finalità socio assistenziali» (dalle sponsorizzazioni a squadre di calcio ai pernottamenti in hotel di lusso), per arrivare al telefonino e ai «fringe benefits» (l’uso a fini personali delle auto di servizio) non giustificati.
La Procura contabile aveva quantificato il danno in 527mila euro, chiamando in causa anche l’ex direttore generale della Asl, Attilio Manfrini. Ma i giudici hanno escluso alcuna responsabilità a carico di Manfrini, e hanno ridotto a 480mila euro il risarcimento dovuto da Di Biase perché la Sanitaservice non era tenuta ad applicare la decurtazione del 10% dei compensi ai manager introdotta dal governo Monti. Le giustificazioni presentate dal manager sono state respinte: i giudici parlano di «condotta dolosa» e rilevano l’utilizzo spregiudicato del denaro pubblico. Di Biase inventò – ai tempi della giunta Vendola – il modello delle Sanitaservice, con cui furono internalizzati i lavoratori degli appalti delle Asl. I beni che gli sono stati sequestrati verranno ora pignorati e venduti.