Brillante operazione della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza sulle strade di Manfredonia nel corso dei serrati controlli diretti a fare rispettare le restrizioni governative imposte sugli spostamenti per evitare la diffusione dei contagi dal virus COVID-19.

Sulla strada provinciale 141, nel tardo pomeriggio di sabato scorso, viene sottoposto a controllo un carroattrezzi diretto a Manfredonia. Il veicolo trasporta un’utilitaria che era andata in panne lungo la strada che conduce alla città sipontina. Le operazioni di controllo hanno riguardato il conducente del veicolo adibito al soccorso stradale, il suddetto automezzo e, successivamente, sono state estese anche all’autovettura trasportata. Con grande sorpresa degli operatori all’interno del veicolo trasportato, in un’intercapedine ricavata tra i sedili posteriori, viene rinvenuto un involucro contenente oltre 100 grammi di cocaina che è stata immediatamente sequestrata.

Adesso sono in corso gli accertamenti finalizzati all’individuazione dell’utilizzatore dell’autovettura e di chi ha commissionato quel trasporto. Sulla scorta dei primissimi accertamenti, infatti, sembra che lo stupefacente fosse stato appositamente occultato sull’utilitaria e che, per eludere i controlli, si sia ricorso all’escamotage di trasportarla sul carroattrezzi, come un qualsiasi veicolo in avaria.
Si ritiene che il carico di droga fosse destinato ad alimentare il mercato manfredoniano dello spaccio, che evidentemente non ha subito un calo della domanda neanche in questo periodo di emergenza da “coronavirus”.
Ne sono riprova gli stringenti controlli effettuati nella città sipontina dagli uomini del Commissariato di Ps di Manfredonia e dagli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine che hanno condotto al sequestro, negli ultimi giorni, anche un altro piccolo quantitativo di hashish a carico di un giovane assuntore che è stato segnalato alla Prefettura.