Per anni ha maltrattato e violentato la moglie e come se non bastasse aveva preso nel mirino anche i figli che venivano barbaramente insultati e picchiati. Stamane è finito un vero e proprio incubo per una famiglia di Foggia, infatti gli agenti della Polizia di Stato hanno tratto in arresto un uomo di 42 anni accusato di maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale.

La misura cautelare è stata disposta dopo la denuncia della donna che ha descritto la quotidianità della sua vita trascorsa con un uomo violento, aggressivo e dispotico. La vittima ha raccontato delle condotte violente, offensive ed umilianti perpetrate dall’uomo sin dai prime mesi del matrimonio. Oltre alle aggressioni fisiche, il 42enne si è reso responsabile di attacchi verbali e insulti anche in presenza dei figli e dei suoceri che minimizzavano i comportamenti dell’uomo.

Vittime della violenza, una volta cresciuti, sono stati anche i figli, spesso picchiati con violenza e per futili motivi. In particolare, le figlie femmine erano destinatarie di offese volgari, specie quando indossavano abiti, a suo dire, non adatti, o si truccavano. La donna ha anche raccontato dei rapporti sessuali pretesi dall’uomo e spesso si trovava costretta a concedersi per evitare sceneggiate alle quali avrebbero potuto assistere i figli. In una circostanza l’uomo ha abusato di lei pretendendo un rapporto con la forza. Il 42enne su disposizione del Gip del Tribunale di Foggia è stato rinchiuso in carcere.